Forex: Euro Egemonia

March 12, 2008

L’Euro forte, la disperazione per il popolo povero è considerato una prova del successo della politica monetaria, in effetti un risultato questo che ben pochi si attendevano, se non i soliti ottimisti.

Nell’ultimo anno il dollaro ha perso contro l’euro circa il 10% arrivando ad un livello che le aziende esportatrici europee considerano “doloroso”, esempio lampante di questo movimento è la decisione da parte dell’Airbus di sostare in America parte della sua produzione Europea, ma perché non in Cina ci chiediamo noi?

Insomma questo Euro Forte che molti, giustamente, additano, ci porta svantaggi nell’esportazione, induce molte società a spostare i loro impianti di produzione, mette in crisi il popolo europeo, ma perché mai allora non fare qualcosa per deprezzarlo?

 

E’ per dare risposta a questa cruciale domanda che diamo uno sguardo alla politica.

La crescita di Fama dell’Europa nel mondo dal punto di vista, per quanto riguardo all’economia il rafforzamento dell’euro è riuscito ad arginare la salita inesorabile dei prezzi del petrolio, un maggiore potere d’acquisto dei consumatori e un maggior spazio di manovra per gli aspetti di politica monetaria nelle trattative di affari.

Se diamo uno sguardo al recente passato, è stato proprio un dollaro forte a permettere agli USA la loro lunga egemonia. Una garanzia, quella del dollaro forte, che permetteva al resto del mondo di cedere miliardi agli americani a tassi favorevoli, mettendo in moto lo sviluppo.

L’Euro Sta diventando lentamente la moneta guida del mondo, sempre più moneta di riserva.

Un altro pro sarebbe spingere le aziende a puntare sulla produttività per mantenere i prezzi concorrenziali. Senza contare che la concorrenza sui prezzi più temibile arriva dalla Cina, paese in cui il tasso di cambio viene mantenuto basso artificialmente, cosa che potrebbe cambiare data l’inflazione sempre più opprimente.

 

L’Euro sta diventando così la moneta più trattata, tanto che sono molti oramai i paesi mediorientali che hanno proposto la moneta unica al posto del dollaro per il commercio del petrolio.

Tutto questo lo possiamo osservare chiaramente nei grafici dell’euro che ha guadagnato terreno negli ultimi anni pressoché con tutte le valute, con il dollaro si è apprezzata del ben 45% in 5 anni.

Il rafforzamento sembra essersi preso una pausa solo nell’ultimo periodo, con le incertezze e il ribasso dei mercati ed un economia globale in rallentamento, questo causerà un lieve ritracciamento nel trend di fondo, ma non inficerà quest’ultimo, trend destinato a toccare ancora nuovi massimi, soprattutto contro il Dollaro statunitense.

Forexometro, portale sul trading forex: http://www.forexometro.com

Nome delle valute

December 24, 2007

L’Organizzazione Internazionale per le Standardizzazioni ha introdotto il sistema ISO 4217 per l’identificazione delle monete tramite codici di tre lettere. In questo modo sono state eliminate le confusioni tra valute con più rappresentazioni locali, come il dollaro, la sterlina o il franco. In generale, il codice di tre caratteri utilizza per le prime due lettere il codice ISO 3166-1 per la nazione, mentre come terza lettera si utilizza l’iniziale della valuta.

Nel seguito si elencano in ordine alfabetico le attuali valute mondiali, le nazioni nelle quali vengono utilizzate e riportando tra parentesi il relativo codice ISO 4217:

* Afghani – Afghanistan (AFA)
* Baht – Thailandia (THB)
* Balboa – Panamá (PAB)
* Birr – Etiopia (ETB)
* Bolívar – Venezuela (VEB)
* Boliviano – Bolivia (BOB)
* Cedi – Ghana (GHC)
* Colon – Costa Rica (CRC)
* Colon – El Salvador (SVC)
* Cordoba – Nicaragua (NIO)
* Corona ceca – Koruna – Repubblica Ceca (CZK)
* Corona cecoslovacca – Koruna – Cecoslovacchia (CSK) (obsoleta)
* Corona danese – Krone – Danimarca (DKK)
* Corona estone – Kroon – Estonia (EEK)
* Corona delle isole Fær Øer – Krone – Isole Fær Øer (DKK)
* Corona islandese – Króna – Islanda (ISK)
* Corona norvegese – Krone – Norvegia (NOK)
* Corona slovacca – Koruna – Slovacchia (SKK)
* Corona svedese – Krona – Svezia (SEK)
* Dalasi – Gambia (GMD)
* Dinaro algerino – Algeria (DZD)
* Dinaro – Bahrain (BHD)
* Dinaro giordano – Giordania (JOD)
* Dinaro iracheno – Iraq (IQD)
* Dinaro jugoslavo – Repubblica Federale di Jugoslavia (YUD) (obsoleto)
* Dinaro serbo – Serbia (CSD)
* Dinaro kuwaitiano – Kuwait (KWD)
* Dinaro libico – Libia (LYD)
* Dinaro macedone – Repubblica di Macedonia (MKD)
* Dinaro sudanese – Sudan (SDD)
* Dinaro tunisino – Tunisia (TND)
* Dirham – Emirati Arabi Uniti (AED)
* Dirham marocchino – Marocco (MAD)
* Dobra – Sao Tomé e Principe (STD)
* Dollaro australiano – Australia (AUD) usato anche in Kiribati, Nauru e Tuvalu
* Dollaro delle Bahamas – Bahama (BSD)
* Dollaro – Barbados (BBD)
* Dollaro – Belize (BZD)
* Dollaro – Brunei (BND)
* Dollaro canadese – Canada (CAD)
* Dollaro – Figi (FJD)
* Dollaro giamaicano – Giamaica (JMD)
* Dollaro – Guyana (GYD)
* Dollaro – Hong Kong (HKD)
* Dollaro liberiano – Liberia (LRD)
* Dollaro namibiano – Namibia (NAD)
* Dollaro neozelandese – Nuova Zelanda (NZD)
* Dollaro – Salomone (SBD)
* Dollaro – Singapore (SGD)
* Dollaro – Stati dei Caraibi Orientali: Anguilla, Antigua e Barbuda, Dominica, Grenada, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine (XCD)
* Dollaro statunitense – Stati Uniti d’America (USD) usato anche in Costa Rica, Ecuador, Isole Marshall, Micronesia, Palau
* Dollaro taiwanese – Taiwan (TWD)
* Dollaro – Trinidad e Tobago (TTD)
* Dollaro – Zimbabwe (ZWD)
* Dong – Vietnam (VND)
* Dracma – Drachma – Grecia – (GRD) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Dram – Armenia (AMD)
* Escudo – Capo Verde (CVE)
* Escudo – Timor (TPE)
* Escudo – Portogallo (PTE) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Euro – Paesi dell’Unione europea aderenti all’unione monetaria: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna. Paesi non dell’Unione europea: Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Montenegro, Città del Vaticano (EUR)
* Fiorino – Antille Olandesi (ANG)
* Fiorino – Aruba (AWG)
* Fiorino – Suriname (SRG)
* Fiorino olandese – guilden – Paesi Bassi (NLG) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Fiorino ungherese – Forint – Ungheria (HUF)
* Franco – Burundi (BIF)
* Franco – Comore (KMF)
* Franco – Gibuti (DJF)
* Franco – Guinea (GNF)
* Franco – Madagascar (MGF) (in rapporto 5:1 con la valuta locale Ariary)
* Franco – Ruanda (RWF)
* Franco – Repubblica Democratica del Congo (CDF)
* Franco – Svizzera (CHF) (utilizzato anche in Liechtenstein)
* Franco CFA (BCEAO) – Stati dell’Africa Occidentale, noti anche come Africa Occidentale Francese: Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea-Bissau (con il Peso – GWP obsoleto), Mali, Niger, Senegal, Togo (XOF)
* Franco (CFA BEAC) – Stati dell’Africa Centrale, noti anche come Africa Equatoriale Francese: Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica del Congo, Gabon, Guinea Equatoriale (XAF)
* Franco (CFP) – Territori Francesi del Pacifico: Polinesia Francese, Nuova Caledonia (XPF)
* Franco belga – Belgio (BEF/BEC/BEL) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Franco francese – Francia e Principato di Monaco (FRF) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Franco lussemburghese – Lussemburgo (LUF) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Gourde – Haiti (HTG)
* Grivnia – Ucraina (UAH)
* Guaranì – Paraguay (PYG)
* Kina – Papua Nuova Guinea (PGK)
* Kip – Laos (LAK)
* Kuna – Croazia (HRK)
* Kwacha – Malawi (MWK)
* Kwacha – Zambia (ZMK)
* Kwanza – Angola (AOA) (obsoleti AON, AOR)
* Kyat – Myanmar (MMK)
* Lari – Georgia (GEL)
* Lats – Lettonia (LVL)
* Lek – Albania (ALL)
* Lempira – Honduras (HNL)
* Leone – Sierra Leone (SLL)
* Leu – Moldavia (MDL)
* Leu – Romania (RON)
* Lev – Bulgaria (BGN) (obsoleto BGL)
* Lilangeni – Swaziland (SZL)
* Lira cipriota – Cipro (CYP)
* Lira egiziana – Egitto (EGP)
* Lira libanese – Libano (LBP)
* Lira maltese – Malta (MTL)
* Lira siriana – Siria (SYP)
* Lira turca – Turchia (TRL) (obsoleta, sostituita dalla Nuova lira turca il 1 gennaio 2005)

* Lira italiana – Italia/San Marino/Città del Vaticano (ITL) (obsoleta, sostituita dall’euro il 1 gennaio 2002)
* Lita – Lituania (LTL)
* Loti – Lesotho (LSL)
* Manat – Azerbaijan (AZM)
* Manat – Turkmenistan (TMM)
* Marco bosniaco – Bosnia-Erzegovina (BAM)
* Marco finlandese – Markka – Finlandia (FIM) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Marco – Germania Est (DDM) (obsoleto)
* Marco tedesco – Germania (DEM) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Metical – Mozambico (MZM)
* Nakfa – Eritrea (ERN)
* Naira – Nigeria (NGN)
* Ngultrum – Bhutan (BTN)
* Nuevo Sol – Perù (PEN)
* Nuova lira turca – Turchia (TRY)
* Ouguiya – Mauritania (MRO)
* Pa’anga – Tonga (TOP)
* Peseta – Andorra (ADP) e Spagna (ESP) (obsoleti, sostituiti dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Peso – Argentina (ARS)
* Peso – Cile (CLP)
* Peso – Colombia (COP)
* Peso – Cuba (CUP)
* Peso – Repubblica Dominicana (DOP)
* Peso – Filippine (PHP)
* Peso – Messico (MXN, obsoleto MXP)
* Peso – Uruguay (UYU)
* Pula – Botswana (BWP)
* Quetzal – Guatemala (GTQ)
* Rand – Repubblica Sudafricana (ZAR)
* Real – Brasile (BRL)
* Renminbi – Cina (CNY, mentre si usa il Pataca a Macao – MOP)
* Riel – Cambogia (KHR)
* Ringgit – Malaysia (MYR)
* Rial – Arabia Saudita (SAR)
* Rial – Iran (IRR)
* Rial – Oman (OMR)
* Rial – Qatar (QAR)
* Rial – Yemen (YER)
* Rublo – Bielorussia (BYR)
* Rublo russo – Russia (RUB, RUR)
* Rublo – Unione Sovietica (SUR) (obsoleto)
* Rupia – India (INR)
* Rupia – Indonesia (IDR)
* Rupia – Maldive (MVR)
* Rupia – Mauritius (MUR)
* Rupia – Nepal (NPR)
* Rupia – Pakistan (PKR)
* Rupia – Seychelles (SCR)
* Rupia – Sri Lanka (LKR)
* Scellino – Kenya (KES)
* Scellino – Somalia (SOS)
* Scellino – Tanzania (TZS)
* Scellino – Uganda (UGX)
* Scellino austriaco – Austria(ATS) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Shekel – Israele (ILS) (utilizzato anche dall’Autorità Palestinese)
* Som – Kirghizistan (KGS)
* Som – Uzbekistan (UZS)
* Somoni – Tagikistan (TJS)
* Sterlina inglese – Regno Unito (GBP) (utilizzata anche nelle Isole Falkland – FKP, a Gibilterra – GIP ed a Sant’Elena – SHP, mentre si utilizza il Dollaro a Bermuda – BMD e nelle Isole Cayman – KYD)
* Sterlina irlandese – Irlanda (IEP) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2002)
* Sucre – Ecuador (ECS) – (obsoleto, sostituito dal USD)
* Tala – Samoa (WST)
* Tallero – Slovenia (SIT) (obsoleto, sostituito dall’euro l’1 gennaio 2007)
* Taka – Bangladesh (BDT)
* Tenge – Kazakistan (KZT)
* Tughrik – Mongolia (MNT)
* Vatu – Vanatu (VUV)
* Won – Corea del Nord (KPW)
* Won – Corea del Sud (KRP)
* Yen – Giappone (JPY)
* Zloty – złoty – Polonia (PLN, obsoleto PLZ)
* Zaire (valuta) – Zaire (obsoleto ZRZ, sostituito da ZRN e poi da CDF)

Valuta

December 24, 2007

Il possesso di valuta da parte dei cittadini e delle imprese di uno stato è solitamente soggette a norme amministrative che stabiliscono quanta moneta può essere detenuta e a quali condizioni.

La valuta è un’unità di scambio che ha lo scopo di facilitare il trasferimento di beni e servizi. Per lo più assume la forma di moneta.

Più nazioni possono usare lo stesso nome per le loro monete (es.: dollaro, canadese e statunitense), possono utilizzare la stessa valuta (es.: l’euro), oppure una nazione può dichiarare a corso legale la valuta di un altro paese (ad esempio, il dollaro statunitense è la moneta legale di Panamá), processo che viene indicato con dollarizzazione. Ciascuna valuta ha tipicamente multipli e sottomultipli, di solito i centesimi.

Viene di norma emessa da ciascuna nazione o gruppi di nazioni (si pensi all’euro) per lo più attraverso la propria banca centrale in regime di monopolio. In alcuni stati esistono più istituti di emissione.

Il termine valuta viene usato più specificamente per indicare le monete straniere detenute da cittadini e istituzioni di uno stato, sotto forma di denaro circolante e di titoli di credito. Un tipico esempio di questo possesso è rappresentato dalle riserve di valuta detenute dalle banche centrali. Ogni banca centrale detiene una data quantità di moneta straniera ovvero di valuta allo scopo di far fronte alle richieste degli operatori economici e per difendere il valore della propria moneta.


Follow

Get every new post delivered to your Inbox.